Sondaggi d’America: Clinton recupera consenso – domani notte il primo dibattito

Salve amici. Domani notte si terrà il primo dibattito tra Clinton e Trump all’Hofstra University di Hepstead (stato di New York). Il dibattito sarà moderato dal giornalista NBC Lester Holt.

Sarà un dibattito molto importante. La Clinton, che ha pur recuperato qualcosa nell’ultima settimana, avrà bisogno di una buona prestazione per allontanare Trump. Il candidato repubblicano, che ha ottenuto l’appoggio ufficiale di Ted Cruz, dovrà sfoderare una buona prestazione per portarsi alla pari della Clinton.

Cominciamo dalla previsione del voto popolare USA:

votopopolare

 

Si registra un buon recupero della Clinton a livello nazionale. La previsione della scorsa settimana mostrava infatti una situazione di sostanziale parità tra i due candidati (47,1% contro 47% per la Clinton).

Ora passiamo alla previsione sui singoli stati.

Per alcuni Stati non vi sono sondaggi disponibili o questi sono troppo vecchi. In questo caso nella tabella troverete la scritta nc (no calcolo).

Ricordiamo che ogni stato avrà un rating. Gli stati in cui un candidato è avanti con un margine uguale o inferiore a 3 punti saranno classificati come TOSS-UP. Gli stati in cui un candidato è avanti con un margine compreso tra i 3,1 punti e i 6 punti saranno classificati come LEAN, quelli in cui un candidato è avanti con un margine compreso tra i 6,1 punti e i 10 punti saranno classificati come LIKELY. Gli stati in cui un candidato è avanti di 10,1 punti o più saranno classificati come SOLID.

Queste le nostre previsioni sui singoli stati:

previsionistati

Nel corso di questi giorni si sono registrati dei cambiamenti nei rating dei singoli stati, prevalentemente in favore di Trump.

cambiamenti

Per quanto riguarda gli stati TOSS-UP, la Clinton è passata di nuovo in testa in Florida, mentre Trump è ora avanti in North Carolina.

riepilogostati

 

Nella conta dei grandi elettori, la Clinton porta il New Hampshire fuori dalla colonna dei TOSS-UP e si porta a quota 263, mentre Trump raggiunge quota 215, con Ohio e Arizona che passano da TOSS-UP a LEAN TRUMP.

grandielettori

basepres

Per quanto riguarda la conta dei grandi elettori senza gli stati TOSS-UP, la Clinton guadagna terreno in quanto, pur perdendo la testa in North Carolina (15 voti elettorali), passa in vantaggio in Florida (29 voti elettorali).

grandielettorinot

nuovamappa

Nei post precedenti avevamo parlato dell’importanza del North Carolina per Trump. Ora il magnate è in testa in questo stato, ma allo stesso tempo ha subito il sorpasso della Clinton in Florida. La strada più percorribile per la vittoria del candidato repubblicano rimane la stessa: confermare gli stati in cui è in testa ora (237 voti), aggiungere la Florida per portarsi a quota 266 voti e infine vincere in uno stato a scelta tra Pennsylvania, Colorado, Wisconsin, Michigan, New Hampshire. Una strada non facile da percorrere per Trump: confermare gli stati in cui è in testa ed aggiungere la Florida e un’altro stato non sarà facile.

 

Per oggi è tutto. Vi invitiamo a seguire il nostro account twitter.com/BidimediaUSA che vi terrà aggiornati con sondaggi, notizie e molto altro.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Informazioni | Chiudi